Chiesa della Madonna delle Grazie

Ultima modifica 24 marzo 2021

Su una chiesetta del secolo XII a forma di cappelloncino affrescato, nel 1757 sorse l’attuale chiesa a tre navate su disegno del Ticinese G.B. Vassalli, in uno stile che coniuga elementi tardo barocchi con elementi di gusto classico. Custodisce sull’altare maggiore, entro un baldacchino, la piccola statua della Madonna delle Grazie, un gioiello di devozione e di arte scultorea, che ha generato l’omonimo santuario. Il preziosissimo simulacro viene attribuito ad un artista di scuola pisana del secolo XIV. Dietro l’altare si trova una tela restaurata raffigurante la natività di Maria, copia pregevole di un dipinto di Annibale Carracci, già a Loreto ed oggi al Louvre. L’ignoto copista potrebbe essere il Todini, autore forse anche delle due grandi tele esposte nel presbiterio. Nell’abside si scorgono gli affreschi eseguiti da L. Catini nel 1916 con figure ed emblemi mariani: decorosa opera giovanile con echi di arte liberty floreale . Nella volta si possono ammirare figure mariane di A. Moreschini (1946). L’organo è stato realizzato da Angelo Morettini di Perugia nel 1830: ha una facciata di 25 canne, una tastiera di 50 tasti e una pedaliera a leggio di 15 tasti. Le cronache del santuario narrano che nel 1702, in tempo di terremoto, la statua in procinto di essere portata in processione , “lacrimò”. Il fatto fu dichiarato autentico dalla autorità ecclesiastica competente , dopo rituale verifica. Tra le numerose grazie attribuite all’intercessione della Madonna delle Grazie, le cronache segnalano con evidenza la resurrezione di un figlioletto di due coniugi di Montegiorgio, che lo portarono esanime a Monte Giberto. Alla vista del Santuario, il bambino si rianimò fra le braccia della madre desolata, alla quale era apparsa in sogno la Madonna invitandola a recarsi ai piedi della sua statua nella chiesa montegibertese. La festa principale del Santuario si celebra l’8 settembre ed la massima espressione di venerazione nei confronti della Madonna delle Grazie.